Gabriele Corni | Apnea

By Gigliola Foschi

 

These gazes are penetrating, bewildered, tenacious, troubled… Faces that stare at us, strike us from afar, emerged and submerged, bathed in a milky veil that envelops, caresses, or oppresses. Solitary, silent faces absorbed in their innermost self, in a timeless state, untouched by the haste and noise of daily life. Portraits of children, of people of every ethnos and social background: Gabriele Corni has “torn off their mask” by immersing them in water, forcing them to abandon their ideal projections, to encounter the substance that challenges the most intimate aspects of their being: water. This highly destabilizing element abounds in symbolism: it protects us in the womb but also transforms into an overpowering force that can take our breath away, that can drag us into the abyss and remind us that life is not eternal. Semi-immersed in this primordial element, the subjects lose their social mask and reveal a more archaic one that looks at us from an unfathomable past. Gabriele Corni shows us faces suspended in meditation, forsaking self-control and the stress of everyday life to withdraw into their deepest being. These portraits transform their faces into persuasive, disturbing images that ask questions. They remind us of when painted portraits took the place of the person himself, not so much because they resembled the person portrayed or captured and revealed his spirit and soul, but rather because they radiated intensity and mystery. That same mystery emanates forcefully from Gabriele Corni’s photographs, in which the identity of the persons portrayed is neither imposed nor inferred, but remains distant and fluctuating, shared and elusive, intense and fluid.

Gabriele Corni | Apnea

di Gigliola Foschi

Sguardi intensi, smarriti, tenaci, pensosi, turbati… Volti che ci guardano da lontano fino a raggiungerci, che emergono e s’inabissano, circonfusi da un velo lattescente che li avvolge, li accarezza o li opprime. Volti solitari e silenziosi, immersi nel proprio stato interiore, in un tempo senza tempo dove non arrivano la fretta e i rumori della quotidianità. Ritratti di bambini, di persone di ogni etnia e appartenenza sociale, a cui Gabriele Corni ha “strappato la maschera” immergendoli  nell’acqua, obbligandoli ad abbandonare ogni proiezione ideale di loro stessi, a confrontarsi con un elemento che mette in gioco il loro essere più intimo e profondo. L’acqua. Un elemento altamente destabilizzante, ricco com’è di molteplici valenze simboliche, capace di farsi contenitore materno e luogo dell’origine, ma anche di trasformarsi in un’entità opprimente che toglie il fiato,  che può trascinare nell’abisso e ricordarci come il tempo della nostra vita abbia una scadenza. Semisommerse in questo elemento primigenio, le persone perdono la loro maschera sociale per ritrovarne una più arcaica e antica che pare osservarci da un passato insondabile. I volti che questo autore ci presenta paiono sospesi in uno stato di raccoglimento: si sono allontanati dal controllo di se stessi e dal tempo pressante della contemporaneità, per ritrarsi nel profondo del loro essere. Ma tale ritrarsi trasforma simili volti in immagini suadenti e inquiete che ci interpellano, che ci ricordano un tempo in cui i ritratti dipinti potevano fare le veci della persona stessa. E lo potevano fare, non tanto perché somiglianti, o capaci di cogliere e rivelare l’anima e l’interiorità di chi veniva raffigurato, ma soprattutto in quanto presenze dotate d’intensità e mistero. Un mistero che emerge con forza anche dalle immagini di Gabriele Corni, dove l’identità delle persone ritratte non viene posta, né dedotta: essa resta lontana, fluttuante, ma allo stesso tempo condivisa e sfuggente, intensa e fluida.

EMPTINESS 5
The little goddess has immemorable wars
in her eyes
at times she dreams them, or perhaps re-invents them
the pitch-black nights tell her: what are you doing, little girl
but she counts the years, days, breaths on her fingers
and whispers: life, life, life
I have at least two continents to bear, damn it, and
a charred forest for a father - -
she throws back her lean and regal head
I see her in all the orients of the home, language,
music
after all the dances, sweet serpent and
dagger child in the transverse light
of the porticos
deciphering her smile is lethal chastity
it’s cutting the day at the level of habit
there’s no escape from my new goddess
I offer them coffee I offer them my throat
but she, she is the pirate sail,
the breath behind the grating, the joy of the
first cloud now that dawn,
dawn my God has arrived…


Davide Rondoni
Poet

VUOTO 5
La piccola dea ha immemorabili guerre
negli occhi
a volte le sogna, o forse le reinventa
le notti di corvi le dicono: che fai, ragazzina
ma lei conta gli anni i giorni i respiri sulle dita
e mormora: vita, vita, vita
ho almeno due continenti addosso, cazzo, e
una foresta carbonizzata di padre - -
rovescia la testa magra e regale
in tutti gli oriente della casa, della lingua, della
musica
la vedo dopo tutte le danze, dolcissima serpente e
bambina pugnale nella luce trasversale
dei portici
decifrare il suo sorriso è una castità micidiale
è tagliare il giorno all’altezza della abitudine
non può dare scampo la mia nuova dea
gli offro un caffè gli offro la gola
ma è lei, lei, la vela pirata,
il respiro dietro la grata, la letizia della
prima nuvola ora che l’alba,
l’alba Dio mio è arrivata...


Davide Rondoni
Poeta

A time for discovery
Where I welcome myself and others
Submerged time
From which to re-emerge
Apnea is a return to life from life From air to water From water to air From thoughts to emotions From movement of body to movement of soul
Apnea is an art to discover
Who we are and what we want to reveal
Art that makes you want to plunge
into your most hidden desires
Apnea, a project that reveals art behind the faces in a work of reunification

Between above and below Between outside and inside Between the breath of the body and the breath of consciousness.

Dr. Chiara Zucchi

Tempo di scoperta
Dove accolgo me stessa e gli altri
Tempo sommerso
Da cui riemergere
L’Apnea è un ritorno alla vita dalla vita Dall’aria all’acqua Dall’acqua all’aria Dai pensieri alle emozioni Dal movimento del corpo a quello dell’anima
L’Apnea è un’arte per scoprire
Cosa siamo e cosa vogliamo mostrare
Un’arte per desiderare di immergersi
Nei più riposti desideri

Apnea, un progetto che rivela l’arte nascosta dei volti In un’opera di ricongiungimento Tra il sopra e il sotto Tra il fuori e il dentro Tra il respiro del corpo e quello della coscienza.


Dott.ssa Chiara Zucchi

"This morning I lay down / in a water urn / and like a relic / I rested". So Giuseppe Ungaretti, in "The rivers", imagines the sacred embrace of water: a sensual, ancestral embrace that wraps without tightening. Water is a strongly symbolic element, there is no culture that is not traversed by its evocative power and that has not projected its powerful metaphor of life up to the present day, since it is the element that comes closest to man: its fluid smoothness resembles the flow of the days: the history of man does not prescind from the water to which he has deposited the senses of its unconscious. The photographer Gabriele Corni with "Apnea" wanted to create a series whose research sounds like a return to the origins. The figures appear to us immersed in a primitive, original amnio from which only the faces barely emerge from a milky and dense water. "Amniotic" portraiture. But there is something else. There is a lot of psychoanalysis. In fact, once the aesthetic node has been resolved, the "form" of language - on which we will return - as an invitation to explore the mysterious, dense and ancient relationship that binds man and water. "Apnea" is a firmly conceptual work, which fits its complexity into a portraiture entrusted with the task of unveiling equilibriums and sensations freed from the objectivity of observation to let each of us, in the presence of images, establish a personal relationship report. Water, it has been said, "embraces without clenching" and in this benevolent grip we find that lightness that is not only physical, to which an unavoidable corporeity is obliged. Everything is light in water: the spirit is, the weight is. And in this remodeling of equilibriums, the emergence of sensations held tightly under control by the conscience finds space. And every feeling adjusts: now it is lucid now it is disturbing, now it is placid and enveloping now agitates. Fluid and elusive sensations, just like water. The metaphor prevents its goal. The language. "Apnea" declines its territory in the boundary between a metaphysical portraiture, in the space of profound conceptual allusions, and the closure of a traditional representation open to the stimuli of experimentation to which the subjects themselves lend themselves with enthusiasm. Azimuthal shots, close to the face, investigators: a milky, amniotic water and, from what we see, owner of one of its materials, laps bodies similar to islands emerging from the sea of our disturbances. Gabriele Corni transports us to the limit of opposing worlds, on the border between the reality of the visible and the unreality of the visions, in that contradictory interregnum where the mixture of experiences is strong. "Apnea" is a sensorial bath, an immersion in the deep that intends to surface, an intense work started a few years ago and still in development. Research, when it is, never ends; and therefore these photographs should be read following the advice of the poet, relaxing the thought to let himself be traversed by an accomplice, humid primitive and new, ancestral feeling. Like the immemorial relationship that man entertains with water.

Giuseppe Cicozzetti

“Stamani mi sono disteso / in un’urna d’acqua / e come una reliquia / ho riposato”. Così Giuseppe Ungaretti, in “I fiumi”, immagina l’abbraccio sacrale dell’acqua: un abbraccio sensuale, ancestrale, che avvolge senza stringere. L’acqua è un elemento fortemente simbolico, non c’è cultura che non sia attraversata dalla sua forza evocativa e che non abbia proiettato fino ai nostri giorni la sua potente metafora di vita poiché è l’elemento che più si avvicina all’uomo: la sua fluida scorrevolezza somiglia al fluire dei giorni: la storia dell’uomo non prescinde dall’acqua cui ha depositato i sensi del suo inconscio. Il fotografo Gabriele Corni con “Apnea” ha voluto realizzare una serie la cui ricerca suona come un ritorno alle origini. Le figure ci appaiono immerse dentro un amnio primitivo, originario e da cui solo i volti emergono a malapena da un’acqua lattiginosa e densa. Ritrattistica “amniotica”. Ma c’è dell’altro. C’è molta psicanalisi. C’è infatti, una volta risolto il nodo estetico, la “forma” cioè del linguaggio – su cui torneremo – come un invito all’esplorazione del misterioso, fitto e antichissimo rapporto che lega l’uomo e l’acqua. “Apnea” è un lavoro saldamente concettuale, che incastra la sua complessità in una ritrattistica a cui è affidato il compito di svelare equilibri e sensazioni svincolati dall’oggettività dell’osservazione per lasciare che ognuno di noi, al cospetto delle immagini possa stabilire un personale rapporto di relazione. L’acqua, si è detto, “abbraccia senza stringere” e in questa morsa benevolente ritroviamo quella leggerezza non soltanto fisica cui è obbligata un’imprescindibile corporeità. Tutto è lieve in acqua: lo è lo spirito, lo è il peso. E in questa rimodulazione di equilibri trova spazio l’affiorare di sensazioni tenute strettamente sotto controllo dalla coscienza. E ogni sensazione aggalla: ora è lucida ora è inquietante, ora è placida e avvolgente ora agita. Sensazioni fluide e inafferrabili, proprio come l’acqua. La metafora previene al suo obiettivo. Il linguaggio. “Apnea” declina il suo nel territorio di confine tra una ritrattistica metafisica, nello spazio cioè delle profonde allusioni concettuali, e il chiuso di una rappresentazione tradizionale aperta però agli stimoli di una sperimentazione cui gli stessi soggetti si prestano con slancio. Scatti azimutali, stretti sul volto, indagatori: un’acqua lattiginosa, amniotica e, da quello che vediamo, proprietaria di una sua materia, lambisce corpi simili a isole affioranti dal mare dei nostri turbamenti. Gabriele Corni ci trasporta al limitare di mondi contrapposti, al confine tra la realtà del visibile e l’irrealtà delle visioni, in quell’interregno contraddittorio dove forte è la commistione di esperienze. “Apnea” è un bagno sensoriale, un’immersione nel profondo che intende affiorare, un lavoro intenso iniziato qualche anno fa e ancora in sviluppo. La ricerca, quando lo è, non termina mai; e pertanto queste fotografie vanno lette seguendo il consiglio del poeta, distendendo il pensiero per lasciarsi attraversare da una complice, umida sensazione primitiva e nuova, ancestrale. Come l’immemore relazione che l’uomo intrattiene con l’acqua.

Giuseppe Cicozzetti

Shortness of breath as the drama of modern society, born of a temporal dimension deprived of a future, where the only thing that counts is the race to occupy available space in search of a pleasure that takes us farther from happiness while giving us an illusion of inner well-being.
Shortness of breath that comes from the anxiety of feeling inadequate, in a society where appearing has replaced being, where it matters not who you are but what you own, where conformism has become a necessary condition of living and acting, making us lose our sense of identity.
Shortness of breath that arises from an illusion of freedom in a world that offers us infinite  choices but binds us to the strict laws of the market.
“Apnea” contains a kaleidoscope of nuances, described here with images that reproduce the depth of its meanings.  In these images, “shortness of breath” is transformed into “search for life.”

Dott.sa Monia De Riva
Life & Corporate Coach

Mancanza di respiro come dramma della società moderna, che nasce da una dimensione temporale amputata della prospettiva futura, dove tutto si risolve in una corsa per occupare gli spazi presenti, alla ricerca di un piacere che ci allontana dalla felicità, dandoci però l’illusione di un benessere interiore. Mancanza di respiro che nasce dall’ansia di non sentirsi adeguati, in una realtà dove l’apparire ha soppiantato l’essere, dove non importa chi sei, ma cosa possiedi, dove il conformismo diviene una condizione necessaria del vivere e dell’agire, facendoci perdere il senso della nostra identità. Mancanza di respiro che deriva da un’illusione di libertà, in un mondo che ci offre ampie opportunità di scelta, ma ci vincola alle ferree leggi del mercato. Molteplici aspetti condensati in una parola apnea, e descritti con immagini capaci di riprodurne la profondità dei significati. Mancanza di respiro che le immagini traducono in ricerca della vita.

Dott.sa Monia De Riva
Life & Corporate Coach

I am not the least interested in water per se:

I focus on what it frees in the people I photograph.

ALL IMAGES ARE COPYRIGHT PROTECTED GABRIELE CORNI 2019